NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Mon, Nov
13 Nuovi articoli

Cagliari. Cronache della Provincia sud Sardegna

Cronaca Regionale
Aspetto
Condividi

Cronache della Provincia

al termine di una specifica attività mirata al contrasto e alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti sul territorio della Parteolla, carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Dolianova hanno tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ******* un 30enne residente in quel centro, noto alle forze dell’ordine, e contestualmente hanno deferito a piede libero alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari un ventenne del posto, ritenuto in affari con l’arrestato. Nel corso della perquisizione domiciliare compiuta presso la residenza del giovane sono stati rinvenuti all’interno di una camera da letto circa 23 kg di marijuana, costituita principalmente da infiorescenze essiccate di cannabis conservate dentro grandi sacchi di carta e nylon e in parte già imballate all’interno di buste per sottovuoto termosaldate, mentre un’ulteriore parte di stupefacente era ancora in fase di preparazione. Inoltre, all’interno del medesimo locale, sono state ritrovate una bilancia professionale, un bilancino di precisione, attrezzatura varia per il confezionamento e denaro in contanti per una somma di circa 400 euro in banconote di piccolo taglio, dimostrazione di come all’interno dell’appartamento oltre allo stoccaggio avvenisse anche la lavorazione, la suddivisione e il confezionamento della sostanza stupefacente destinata all’immissione nel mercato illegale. L’arrestato, considerata la quantità di stupefacente detenuto e i precedenti specifici a suo carico, su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato tradotto presso la casa circondariale di Uta.

a Gesturi, i carabinieri della locale Stazione, a conclusione di mirati accertamenti, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per furto in abitazione, un quarantanovenne del luogo, noto alle forze dell'ordine, nonché percettore di reddito di cittadinanza. I militari hanno ottenuto a suo carico chiari indizi di colpevolezza quale materiale esecutore di un furto in abitazione posto in essere pochi giorni prima. La perquisizione domiciliare compiuta nella sua abitazione ha dato esito positivo, l'uomo ha consegnato ai militari la refurtiva che aveva occultato in un campo vicino, che è stata sequestrata e, previa autorizzazione dell'autorità giudiziaria, verrà presto restituita alla parte lesa. Si tratta di una motosega che il denunciato si riprometteva di utilizzare per fare riserva di legna per la stagione invernale. Il denunciato verrà anche proposto per la revoca del sussidio percepito.

a Capoterra, su ordine della centrale operativa del Comando Provinciale di Cagliari, i carabinieri della Stazione di Pula sono intervenuti su un terreno agricolo ove hanno sorpreso un ottantenne pensionato del luogo, incensurato, mentre si accingeva a lasciare il terreno di proprietà di una settantasettenne anche lei del luogo, alla guida della propria autovettura Renault Twingo, che trainava un piccolo carrello carico di un quintale circa di legna di olivastro, illecitamente tagliata poco prima su quel fondo agricolo. I militari hanno pertanto deferito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari l'uomo per furto aggravato, non esistendo infatti una esimente relativa alla crescente preoccupazione per i costi di riscaldamento previsti per la prossima stagione invernale.

a Selargius, al termine di tutta una serie di accertamenti scaturiti da alcuni tentativi di furto dei quali uno andato a segno nel centro abitato di Selargius, i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per i tentativi di furto ed il furto in abitazione, un ventottenne residente a Cagliari, pescatore, molto noto alle forze dell'ordine. In particolare i militari operanti, grazie all'esame delle immagini dei sistemi di videosorveglianza privata presenti nell'area dei reati, hanno raccolto nei confronti dell'uomo inequivocabili elementi di responsabilità quale materiale esecutore dei delitti in questione, tutti perpetrati a Selargius il 24 ottobre scorso in pregiudizio di alcuni esercizi commerciali del luogo.

a Villacidro, a conclusione di un'attività d’indagine posta in essere quale sviluppo di una denuncia querela presentata ai militari da una cinquantenne impiegata del luogo, i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per truffa aggravata, un ventiquattrenne napoletano, residente a Livorno, molto noto per precedenti vicende giudiziarie e una cinquantacinquenne svizzera di origine italiana, residente in Provincia di Cosenza. L'attività di indagine compiuta attraverso il tracciamento bancario del flusso del denaro ha permesso di acquisire gravi elementi di colpevolezza nei confronti dei due che, in concorso tra loro, dopo aver pubblicizzato su un sito internet specializzato la proposta di vendita di un trattore in seconda mano, con artifizi e raggiri erano riusciti a convincere telefonicamente l'uomo, che si era proposto per l'acquisto, ad anticipare la somma di 5500€ quale parziale contropartita per la vendita del mezzo pesante. Il veicolo non è mai giunto in Sardegna se non in foto e i due soggetti denunciati hanno immediatamente provveduto alla chiusura del conto corrente sul quale il bonifico era pervenuto, scomparendo infine dal sito web.

ad Assemini nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio svolto dai carabinieri della compagnia di Cagliari, questi hanno proceduto al controllo della circolazione stradale in quel Comune, contestando quattro infrazioni al codice della strada, tra cui una guida senza patente con contestuale sequestro amministrativo dell'autovettura. Gli stessi militari hanno poi deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per il reato di fabbricazione o commercio abusivi di materie esplodenti, una giovane del luogo incensurata, titolare di un esercizio pubblico. A seguito di perquisizione avvenuta presso il locale di sua pertinenza, la ragazza è stata trovata in possesso di un artifizio pirotecnico di natura illegale, confezionato artigianalmente, avente il peso di 150 grammi ed è stata anche sanzionata per il possesso di dodici stecche di sigarette prive del marchio del Monopolio di Stato, nonché di 8 kg di alimenti totalmente privi di tracciabilità. L'artificio pirotecnico, le stecche di sigarette e gli alimenti sono stati sottoposti a sequestro. L'artifizio è stato preso in consegna dagli artificieri della Seconda Sezione del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Cagliari che lo hanno messo in sicurezza.

 

Nota Stampa del COMANDO PROVINCIALE CARABINIERI DI CAGLIARI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna