NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Wed, Oct
23 Nuovi articoli

Cagliari. Operatività recente CC Provinciale stazioni del Sulcis

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Operatività stazioni  CC Provinciale del Sulcis

A Santadi, i carabinieri della locale Stazione a seguito di una segnalazione ricevuta dalla centrale operativa di Carbonia e girata alle pattuglie in circuito, hanno denunciato per lesioni personali colpose e fuga in caso di incidente stradale con danni alle persone, un 88enne del luogo, pensionato, incensurato. Era accaduto che sulla SP1 al km 28 + 470 all'altezza del distributore Tamoil, una persona identificata poi in un 83enne, anch’egli di Santadi, pensionato, incensurato, era stato investito da un'autovettura che si era successivamente data a precipitosa fuga. Insomma il conducente del mezzo pirata non aveva prestato soccorso al pedone. Gli immediati accertamenti svolti dai militari sul posto hanno permesso di individuare il mezzo, abbastanza particolare, tanto da poter poi risalire all'investitore che, una volta rintracciato, ammetteva liberamente le proprie responsabilità dichiarando di essersi allontanato rapidamente dal luogo dell'incidente per paura delle conseguenze che ne avrebbe potuto ricevere, e di essersene poi pentito. L'investito è stato trasportato con elisoccorso presso l'ospedale Brotzu di Cagliari dove gli sono state riscontrate diverse fratture ma senza rischi per la vita.

Stanotte a Narcao i carabinieri della locale Stazione sono intervenuti in quella Piazza Marconi presso una lavanderia automatica di proprietà di una ventisettenne imprenditrice del luogo. I militari, dopo aver notato un soggetto che alla vista dell'automezzo di servizio si era dato a precipitosa fuga, sono intervenuti nelle adiacenze del locale dov’è stata rintracciata una seconda persona, identificata in una 31enne con precedenti denunce a carico, originaria di Carbonia. La donna è stata trovata in possesso di un piede di porco e di due martelli, non esattamente monili da donna. Nel successivo sopralluogo all'interno della lavanderia sono stati rinvenuti un'asta di ferro lunga 133 cm, un cric per autovettura e diversi arnesi atti allo scasso. In relazione a tali circostanze la donna è stata deferita in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per tentato furto aggravato dalla violenza sulle cose, in concorso con un uomo allo stato sconosciuto. Verranno eseguiti ulteriori accertamenti allo scopo di ricostruire l'identità del fuggitivo. Gli utensili rinvenuti sono stati sottoposti a sequestro e verranno custoditi in un idoneo locale della caserma di Narcao, fino al deposito presso l'ufficio corpi di reato della Procura della Repubblica di Cagliari.

a Santadi, i carabinieri della locale Stazione, a conclusione di alcuni accertamenti investigativi, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per attività di gestione di rifiuti non autorizzata, un sessantanovenne marocchino, residente a Narcao, disoccupato con precedenti denunce a carico, poiché l'uomo è stato fermato alla guida di un furgone mentre trasportava rifiuti consistenti in materiale ferroso di varia natura, senza essere in possesso della prescritta autorizzazione per la raccolta, per il trasporto, per il recupero e lo smaltimento di tali rifiuti. Il veicolo e il materiale ferroso sono stati sequestrati e affidati a una ditta convenzionata per il deposito giudiziario.

a Tratalias, nel corso di un servizio mirato alla prevenzione e repressione di reati in materia ambientale, i carabinieri della locale Stazione hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per smaltimento di rifiuto speciale non pericoloso in assenza di autorizzazione, un 61enne marocchino residente a San Giovanni Suergiu, disoccupato con precedenti denunce a carico. In particolare i militari operanti hanno accertato a seguito di una verifica posta in essere in quella Via Canale, in zona industriale, nel plesso dell'ex azienda dismessa di lavorazione in ferro ivi ubicata, che lo straniero aveva scaricato rifiuti speciali tra i quali materiali ferrosi, elettrodomestici dismessi e parti di motore di autovettura, per una quantità di circa 4 metri cubi in un'area di 50 metri quadrati che è stata sottoposta a sequestro probatorio penale. I militari sono giunti a tale risultato attraverso il monitoraggio del sito presso il quale a più riprese l'uomo si era recato per disfarsi di tali materiali.

a Carbonia i carabinieri della locale Stazione, coadiuvati da personale del Radiomobile della Compagnia dell’Arma sulcitana, hanno tratto in arresto per maltrattamenti contro familiari e conviventi un 56enne del luogo, disoccupato con precedenti denunce a carico. I comportamenti vessatori sono stati posti in essere nei confronti della moglie convivente, operaia incensurata, e del figlio della donna che ha 30 anni. In particolare l'arrestato, per irrazionali moventi di gelosia ha percosso la moglie e offeso il figliastro con frasi ingiuriose. L'arrestato al termine della redazione degli atti è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma di Carbonia e nella mattinata odierna verrà condotto presso il Tribunale di Cagliari dove verrà giudicato con rito direttissimo. Si tratta dell'ennesima brutta storia di maltrattamenti di un uomo nei confronti della compagna o di altri familiari. In questo caso è finita con l'arresto in quanto i militari sono riusciti a intervenire nella flagranza di tali comportamenti che sono usciti per una volta dal chiuso e dal segreto del focolare domestico.

a Perdaxius, a conclusione di una serie di accertamenti investigativi, i carabinieri della Stazione di Narcao hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, un 32enne del luogo, disoccupato, gravato da precedenti denunce. In particolare, attorno alle ore 16.00 di ieri, a seguito di una perquisizione locale d’iniziativa, i militari operanti hanno rinvenuto nel cortile retrostante all'abitazione dell’uomo 4 piante di marijuana dell'altezza di un metro e mezzo circa. Le 4 piante sono state tagliate, repertate all'interno di scatole di cartone, sigillate e assunte in carico in attesa di essere sottoposte alle previste analisi chimico/tossicologiche ai fini della determinazione del tasso di THC presente nelle infiorescenze. Questo è il periodo in cui le piante di canapa vengono a maturazione producendo quella sorta di fiori all'interno dei quali è maggiormente contenuto il principio attivo stupefacente e dunque, per tutti coloro che vogliano produrre marijuana anche solo per utilizzo e diletto personale tale illecito prodotto, questo è il momento della raccolta. Però è anche il momento in cui quelle piante producono quell’odore acre e intenso che può attrarre l’attenzione di terzi, compresi i carabinieri.

a Giba i carabinieri della locale Stazione, a conclusione di una serie di accertamenti hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per danneggiamento e percosse un 64enne del luogo, disoccupato con precedenti denunce a carico. In sostanza l'uomo il 29 luglio scorso nel primo pomeriggio, pretendendo di aver libero il parcheggio pubblico situato di fronte alla propria abitazione, in quel momento occupato da una Alfa Romeo di proprietà di un trentenne di Nuxis di fatto domiciliato a Giba, operaio, volontariamente con una serie di manovre repentine eseguite con la propria autovettura andava a collidere contro il veicolo in sosta, danneggiandolo in più parti. Una volta intervenuto il proprietario che protestava per quei comportamenti, il denunciato lo colpiva ad un braccio con il manico di una zappa senza però arrecargli lesioni di un qualche rilievo. Il fatto che il denunciato fosse solito parcheggiare la propria autovettura in quella sede non significa che possa essere intervenuto una sorta di usucapione sulla pubblica via. Quel posto auto può evidentemente essere appannaggio anche di terze persone, al di là delle infondate pretese di qualcuno.

fonte: nota stampa comando provinciale CC

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna