NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
23
Mon, May
24 Nuovi articoli

Nuxis. Presentato l'ultimo libro di Vittorio Sanna “LA TERRA DEI GIGANTI”

Ritagli
Aspetto
Condividi

 

Le presentazioni che non ti aspetti. Pomeriggi librari che riservano sorprese davvero notevoli. Sabato 20 novembre 2021 a Nuxis e alla presenza di un pubblico attento, Vittorio Sanna ha presentato il suo ultimo libro “LA TERRA DEI GIGANTI” edito dalle Grafiche Ghiani. La padrona di casa Roberta Podda, bibliotecaria, ha accolto lo scrittore asseminese accompagnato per l’occasione dal noto giornalista Sandro Angioni, già direttore delle principali TV sarde e dirigente del Cagliari Calcio, nella sala della Biblioteca Comunale.
vittorio sanna tdpVittorio Sanna ha raccontato il suo libro centrando l’attenzione sui “piccoli frammenti di stelle della stessa pasta della storia della società" ponendo quindi l’accento sui Campioni della nostra isola e utilizzando il termine nella sua accezione scientifica più che in quella etimologica e sportiva. Dunque una antologia dedicata alla persona, prima che allo sportivo. Ottantasei racconti di uomini e donne che si sono distinti in discipline olimpiche.
Utilizzando la metafora dei giganti di Monte Prama, taluni sono emersi dall’oscurità, hanno vissuto la ribalta e, nel tempo che intercorre tra una olimpiade e l’altra, sono tornati nell’anonimato. “La terra dei Giganti” ha il merito di “dissotterrarli dall’oblio” riportandoli al fasto meritato. Con grande “passione e determinazione” l’autore descrive aneddoti divertenti, incredibili e talvolta prosaici. Così come nel caso del campione sulcitano Mario Medda pentatleta di Piscinas, che durante una gara perse in maniera fortuita il costume da bagno e nuotò nudo per non perdere tempo a riallacciarsi. Un episodio che restituisce lo sportivo, il Campione, alla sua umanità, alla non dualità tra persona e personaggio.
Grande la sensibilità dell’autore nell’includere e “non distinguere” tra atleti normodotati e paralimpici. Egli addirittura si spinge oltre proponendo una prospettiva di osservazione differente con riflessioni sul superamento di barriere mentali prima ancora di quelle fisiche e architettoniche. Altrettanto piacevole, il racconto di alcuni incontri di presentazione del libro che portano “campioni” di sportivi interessati non già al tornaconto ma, al piacere di essere raccontati e ricordati in un libro. Sandro Angioni menziona Stefano Oppo (canottaggio) che dice orgogliosamente alla madre di essere stato citato ne “LA TERRA DEI GIGANTI”. Il giornalista riflette su quanti dei calciatori di serie A, avrebbero potuto apprezzare una cosa del genere. “Probabilmente” aggiunge “se non ci fossero stati omaggi o premi di valore” non sarebbero stati minimamente interessati e tantomeno entusiasti.
Alla luce di quanto scritto, e tanto altro si potrebbe aggiungere viste le quasi due ore di incontro, la presentazione del libro “LA TERRA DEI GIGANTI” è diventata il pretesto per un confronto interessante e aperto con un pubblico partecipe che ha interagito attraverso interventi, domande e dialoghi arricchendo ciascuno con contenuti trasversali e, parafrasando le parole di Vittorio Sanna, che incidono da sempre nella storia politica, sociale ed economica di una realtà.
Senza ombra di dubbio un pomeriggio sorprendente e una lettura decisamente piacevole.

Claudia Serra

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna