NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
19
Tue, Jan

II Domenica dopo Natale Essere cristiani… e i Sacramenti …Il Battesimo di Gesù

Il Vangelo della Domenica
Aspetto
Condividi

Il Battesimo di Gesù Gesù si fece battezzare da Giovanni Battista non perché avesse qualche peccato da dover essere perdonato, ma, essendo vero uomo, si sottomise alle leggi religiose del suo popolo. Al Battesimo inoltre Dio Padre presentò Gesù agli uomini come il suo Figlio diletto, che noi dovremmo ascoltare.
Il nostro Battesimo Con Gesù è nato un uomo giusto, come tutti sulla terra sarebbero dovuti essere. Dio si è fatto uomo, si è fatto come noi per farci come Lui. E questo è possibile. Essendo Gesù vero Dio, oltre che vero uomo, può cancellare il nostro passato di peccato e fare di noi delle creature nuove nella giustizia e santità. “Si è fatto come noi per farci come Lui”. Perciò ci sono i Sacramenti, e primo fra tutti il Battesimo. Col Battesimo preleviamo il bambino, o adulto che sia, da un mondo di peccato e lo immettiamo nella famiglia visibile dei figli di Dio, dove vige la legge dell’amore: amare Dio e il prossimo come ama Gesù. Se poi si ricade nel peccato c’è la confessione, detta anche secondo Battesimo. Questo dono ci ha fatto Dio, questo dono fanno i genitori ai loro figli battezzandoli. A nome di tutti i battezzati quindi diciamo: GRAZIE ai genitori, grazie ai padrini!
Riassumendo Col Battesimo si entra in un nuovo modo di pensare e di vivere che è lo stesso di Gesù, amare Dio e il prossimo come ha fatto Lui, riconoscendo a tutti la stessa dignità e libertà, gli stessi diritti e doveri, facendo bene il nostro lavoro qualunque esso sia. Se si riceve il Battesimo da bambini e, divenuti adulti, non si volesse più vivere bene, onestamente, secondo il Vangelo, ce ne dispiacerebbe, ma non si avrebbe alcun diritto di criticare e condannare genitori e padrini, che han cercato di far loro del bene sin da piccoli. Per salvaguardare la salute si è obbligati a vaccinare i bambini, per la cultura c’è la scuola d’obbligo, perché non aiutarli a conoscere e vivere secondo i valori del Vangelo, i veri e grandi valori della vita?!
A ragione preghiamo: O Dio, concedici di vivere come fedeli imitatori del tuo Figlio prediletto, per chiamarci ed essere realmente tuoi figli. A M E N.

Nicola Fiscante, sacerdote redentorista