NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
18
Wed, Jul
56 Nuovi articoli

Cagliari. (RossoMori) Autodeterminazione esiste

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Ognuno è libero di fare le sue scelte di alleanza per queste elezioni come ha fatto anche in precedenti campagne elettorali. Così ognuno è libero di dire che milita con partiti di destra o di sinistra. Quel che non va bene è la pretesa di qualcuno che il bene sta dove lui si colloca. Una volta e mezzo a destra e una volta a sinistra. E chi non lo segue, secondo lui, non ha dignità politica. E' quanto scrivono in un comunicato i Rossomori. Salvo mandare messaggi trasversi o per vie sotterranee cercando consensi utili e organizzando bardane abigeatarie con i fondi delle pubbliche istituzioni.
"RossoMori, da quando è nato reca incancellabile nel suo DNA la missione di costruire un soggetto politico che raccolga i figli del Sardismo primigenio, con un progetto politico di liberazione di Popolo. E un programma progressista che tenda a risolvere la questione sarda sia per quanto riguarda giustizia e libertà; sia per quanto riguarda la indipendenza nazionale. Siamo in una situazione tale che ,OGGI, si diano due condizioni evidenti che dovrebbero indurre chi si definisce a vario titolo sardista a valutarle con impegno verso il futuro : per la prima volta dal 1948 a oggi la domanda di unità dei sardismi è sentimento diffuso come MAI lo é stato ; e in nessun altro momento ,sempre dal 1948 a oggi, i partiti cosiddetti italiani sono diffusamente individuati come responsabili a Roma e a Cagliari e a Bruxelles della drammatica condizione sociale del Popolo Sardo. E della condizione di subalternità politica e culturale e istituzionale conseguente. In questa condizione da oltre un anno si è aperto un confronto vasto e profondo per verificare la possibilità di organizzare una risposta unitaria, plurale, dinamica alla domanda che tutti diciamo di aver sentito venire sempre più forte dal Popolo. La base per mettersi insieme é stata la più semplice: chi ci sta faccia un passo avanti e lavoriamo insieme ,secondo i tempi delle istituzioni e della politica, con l'obiettivo di conquistare il governo della Regione. NESSUNO SI SENTA ESCLUSO. Chi ci sta costruisce progetto. Chi non ci sta lo fa per sua scelta e per sua responsabilità. Autoescludendosi. Abbiamo fatto passi avanti . Si è costituito un Progetto per l 'Autodeterminatzione, diventato soggetto politico, aperto a ogni ulteriore partecipazione sulla base del codice etico e del programma di governo. Esiste il soggetto politico. Si darà i suoi organismi democratici. Lavorerà a darsi un simbolo e una organizzazione per concorrere alle prossime scadenze elettorali se tutti saremo d'accordo. Nel frattempo parti non secondarie dei movimenti e dei partiti del Sardismo trattano con le coalizioni di centrodestra e di centrosinistra al fine di eleggere parlamentari propri nelle loro liste conferendo il proprio peso elettorale nella disponibilità dei partiti italiani che ne costituiscono la ossatura e la struttura di comando. Rendendoli in questo modo più forti e perciò stesso meno battibili. E chiarendo ,ora per allora, che alle prossime elezioni regionali ne saranno i naturali alleati. Anzi qualcuno cerca di nobilitare la intrapresa con la richiesta per sé stesso del ruolo di capo delle truppe ausiliarie. Autodeterminatzione andrà ,ovviamente, avanti per la strada della unità di chi intende misurarsi a costruire progetti e programmi ,strade e vie e mettere insieme le donne e gli uomini che sanno anteporre il bene comune dei Sardi alle proprie egocentriche velleità di onnipotente comando; o alla incerta, breve pretesa di poter risolvere con giaculatorie consolatrici ,recitate in cori estranei , i problemi della Sardegna. Percorreremo, oltre la nostra volontà, strade avverse. Ci proporremo come avversari coerenti a difesa della nostra gente. Combatteremo battaglie vere di giustizia e libertà. E saremo porto sicuro per chi intende impegnarsi per il bene del Popolo Sardo".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna