NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
22
Wed, Nov
55 Nuovi articoli

Cagliari. Tocco (FI), sulla riforma della rete ospedaliera: No a ulteriori lungaggini. Non si scardini il sistema sanitario sardo

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

Sembra non aver fine l’iter in consiglio regionale del disegno di legge sulla rete ospedaliera. L’esame del provvedimento ora comporterà un passaggio del documento sotto i raggi ics del Consiglio delle autonomie locali, poi è probabile che la commissione salute dovrà procedere ad un ulteriore passaggio. Il consiglie regionale Edoardo Tocco (FI) però frena ulteriori lungaggini: <<Condividiamo le perplessità e le preoccupazioni già preannunciate dai diversi territori, che saranno avanzate nel confronto con il Consiglio delle Autonomie locali e dei sindaci, su un testo che pare demolire una grossa fetta della sanità isolana – spiega il rappresentante degli azzurri – Abbiamo la sensazione che le divergenze all’interno della maggioranza stiano producendo queste lungaggini inutili e controproducenti su un testo già contestato>>. I ritardi sull’approdo del progetto in aula non convincono l’esponente dell’opposizione: <<Non occorre che manager e direttori generali vengano nuovamente all’interno del parlamentino, con un’audizione che ha portato già ad un parere negativo sulla riforma – aggiunge Tocco – Sarebbe l’ammissione dell’incapacità di fatto della giunta di gestire l’iter legislativo di un provvedimento di indubbia rilevanza per il settore socio sanitario>>. Il rappresentante forzista auspica una revisione della riforma: <<Mi auguro – conclude Tocco – che si tenga conto delle esigenze espresse dai diversi territori, contro un disegno che mira a ridimensionare alcuni poli di eccellenza. Si prenda come esempio il Brotzu, che corre il rischio di vedersi privato di diversi centri con un indietreggiamento a presidio di secondo livello e polo di emergenza. Non vorremmo che la riforma scardinasse alcuni punti di riferimento della sanità sarda, compromettendo la garanzia di qualità dei servizi sinora erogata dagli ospedali e dalle strutture socio sanitarie isolane>>.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna