NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Wed, Jun
56 Nuovi articoli

Cagliari. Criticità strade sarde. On. Moriconi su gestione ANAS in Sardegna

Politica Regionale
Aspetto
Condividi

“Stride il fatto che a pochissime ore dalle rassicurazioni che il responsabile ANAS per la Sardegna, in un clima di ritrovata armonia, ha fornito all’Assessore ad interim Paci sugli impegni dell’Azienda circa il rispetto dei tempi di lavoro e la sicurezza delle strade nell’Isola, oggi clamorosamente nella 554 bis si sia formata una coda chilometrica per dei semplici lavori di manutenzione ordinaria. Un controsenso che rappresenta solo l’ultimo sfregio dell’ANAS sulla strada statale 554 bis, meglio nota come la strada della vergogna, dove un incomprensibile e ingiustificabile blocco del traffico compiuto in un orario di massima affluenza delle vetture, alle porte del fine settimana e in piena stagione turistica, ha determinato code chilometriche e tempi di attesa biblici, nel tratto all’altezza del Rio Murtaucci per lavori di pulizia ordinaria delle luci della galleria”. Ha dichiarato il consigliere regionale Moriconi sul perdurare della disastrosa gestione dell’ANAS nell’Isola.
Una situazione per cui, afferma Moriconi, “la somma di tutti i colpevoli ritardi nei lavori, i continui crolli, le crepe con voragini in più tratti, e la superficialità e sconsideratezza con la quale vengono effettuati perfino gli interventi di manutenzione ordinaria su arterie di traffico di primaria importanza e rilievo socioeconomico che ricadono sulle competenze dell’ANAS, rendono la Sardegna, se è possibile, ancora più isolata e ostaggio di una gestione di tipo coloniale di un territorio fra i più alti a vocazione turistica della Repubblica che meriterebbe ben altre attenzioni.”
Per questo motivo – prosegue Moriconi – ho presentato una Interrogazione urgente con la quale chiedo all’Assessore dei Lavori Pubblici in che cosa consista la dichiarata attività di monitoraggio che l’Assessorato e la regione intendono effettuare per verificare che tutti gli impegni in termini di tempi e sicurezza siano rispettati da parte dell’ANAS. E se non ritenga opportuno intraprendere ulteriori e urgenti iniziative al fine di rappresentare al Governo nazionale e alle Autorità preposte al servizio di ordine pubblico l’insopportabile e insostenibile superficialità sull’attività gestionale condotta da ANAS in Sardegna, al fine di individuare immediatamente le soluzioni possibili da adottare per provare a ridurre il più possibile il grave disagio.”
“Anche se - conclude amaramente Moriconi - la politica gestionale dell’ANAS nell’Isola non aveva bisogno certo di altri episodi per elevare il disappunto e la rabbia degli automobilisti costretti a subire negli anni la serie impressionante di scelte sbagliate, errori di valutazione, superficialità e dispregio verso chiunque, le istituzioni regionali, gli operatori economici, i semplici cittadini, tutti obbligati a disagi non più tollerabili”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna