NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Mon, May
27 Nuovi articoli

Calasetta. “Accordo tra Comune e Telecom per la Torre Sabauda: antenne per potenziare il segnale e nuova scala di accesso”

Politica Locale
Aspetto
Condividi

Rimessa in sicurezza della scalinata di ingresso alla Torre Sabauda e potenziamento del segnale telefonico nel territorio comunale. È duplice l’obiettivo cui mira il recente accordo siglato tra il Comune di Calasetta e l’azienda di telefonia Telecom: quest’ultima, nel prossimo mese di gennaio verserà nelle casse dell’ente la somma di 48 mila euro, corrispondenti a 6 anni di canone anticipati (8 mila euro all’anno) per il posizionamento di due antenne di ricezione di segnale in cima alla Torre.

Grazie all’importo, il Comune potrà infatti garantire la risoluzione di due problemi che da tempo presentano forti criticità: lo scarso segnale telefonico (relativo anche alla telefonia mobile) e le precarie condizioni della rampa di accesso alla Torre Sabauda, chiusa al pubblico dall’agosto scorso proprio per ragioni di sicurezza dovute all’usura della scalinata che conduce al primo piano.

«La compagnia telefonica collocherà due antenne, ciascuna di 50 centimetri di altezza, sulla sommità della Torre – spiega il sindaco Antonio Vigo – versando anticipatamente l’intera somma di canone di spettanze: questo consentirà l’immediato potenziamento del segnale telefonico e la costruzione della nuova scala».

L’attuazione del progetto, che in conferenza di servizi ha incassato i pareri favorevoli di tutti gli enti interessati («Ufficio di tutela del paesaggio e Soprintendenza ai beni architettonici in primis», precisa il primo cittadino), porterà alla realizzazione della nuova rampa. Ovvero: demolizione della vecchia gradinata in cemento armato, costruita negli anni ’80 e ormai compromessa da tempo e usura, e costruzione di “una nuova scala, avente la stessa geometria di quella esistente, in acciaio zincato a caldo e colorato in conformità alle indicazioni dei funzionari della competente Soprintendenza”, come riporta la relazione paesaggistica. Da qui, la possibilità di riaprire al pubblico uno dei poli di interesse storico-culturale del Comune, spesso eletta a location di eventi e mostre.

Con la dotazione finanziaria frutto dell’accordo tra Comune e Telecom, si garantirà anche il miglioramento della circolazione stradale dell’area con «la collocazione di dissuasori e nuova segnaletica», precisa Vigo. Attente valutazioni hanno riguardato anche l’ubicazione delle antenne: «Date le dimensioni ridottissime – prosegue il sindaco – non saranno visibili, evitando qualsiasi forma di impatto visivo ed estetico, aspetto fondamentale alla luce dello status della Torre Sabauda di bene culturale». Nel contempo, il nuovo impianto migliorerà sensibilmente il problema della scarsa ricezione dei dispositivi di telefonia mobile nel territorio comunale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna