NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
10
Mon, Aug
37 Nuovi articoli

Iglesias. Costituzione Segreteria Giovani Democratici della federazione del Sulcis-Iglesiente.

Politica Locale
Aspetto
Condividi


Nel corso alla riunione dell’assemblea di federazione, svoltasi on line nei giorni scorsi convocata in virtù del III Congresso Nazionale dei Giovani Democratici in data 25 Luglio 2020, l'assemblea ha deliberato in materia della propria organizzazione interna andando ad individuare in Carlotta Scema – studentessa all’Università di Cagliari e già consigliera comunale ad Iglesias - il nuovo Presidente dell’assemblea di federazione e in Alessio Siciliano – anche lui studente di UniCa per la quale è anche rappresentante degli studenti nel Nucleo di Valutazione d’Ateneo - il nuovo Segretario. A seguito dell’elezione, il Segretario ha individuato negli iscritti di seguito indicati la composizione
della nuova segreteria di federazione:
Massa Lorenzo – Vice Segretario e Responsabile Tesseramento
Mocci Alessandro – Responsabile Comunicazione, Sport e Cultura
Piu Sara – Responsabile Tesoreria e Diritti Civili
Sanchez Elio – Responsabile Comunicazione, Diritti Costituzionali ed Educazione Civica
Sessa Gianluca – Responsabile Istruzione e Università
Dichiarazioni:
<<Fin dalla costituzione dei Giovani Democratici Sardegna il territorio del Sulcis-Iglesiente è
sempre stato uno dei più attivi, recentemente però la nostra federazione ha perso di vitalità.
Obiettivo della rinnovata organizzazione interna è quello di ricostruire e rafforzare l’intero
gruppo partendo dalla base, dai ragazzi e dalle ragazze di ogni singolo comune. E' il commento del Segretario di federazione
Alessio Siciliano, che prosegue "Conosciamo a fondo e affrontiamo quotidianamente i problemi del nostro territorio: il digital
divide e l’abbandono scolastico; l’incuria e la fatiscenza delle infrastrutture; la
disoccupazione, la quasi totale assenza di iniziativa formativa ed imprenditoriale; lo
spopolamento e la sempre maggiore convinzione fra i nostri coetanei, che l’unica opzione
valida sia quella di studiare e cercare lavoro nel resto d'Italia o all'estero.
Ultimamente sono stati particolarmente di rilievo i disagi relativi ai trasporti da e per la
nostra Regione (vedi il caso di Air Italy o della cessazione e del mancato rinnovo della
continuità territoriale) ma da sempre risultano critici quelli interni, così come il caso del
settore agropastorale, con le evidenti difficoltà per i lavoratori e le loro famiglie o, ancora, la
persistente crisi industriale. Notizia di questi giorni è l’accordo sull’energia tra SiderAlloys,
MISE ed ENEL che fa ben sperare per una ripartenza dell’intero polo metallurgico di
Portovesme, ma che non ci permette ancora di esultare e considerare la pratica come
archiviata in quanto è solo un (importante) tassello della vertenza industriale per cui ancora
molti punti sono ancora da definire come, ad esempio, l’adeguamento delle strutture al fine di
controllare le emissioni che negli anni hanno portato ad un sempre maggiore numero di
malattie per i lavoratori e gli abitanti delle zone limitrofi o l’inquinamento ambientale.
Nonostante l’insediamento della nuova organizzazione sia recentissimo, abbiamo già scelto
alcune delle battaglie che vogliamo portare avanti, una su tutte quella relativa ai cantieri
archeologici ex ATI-IFRAS esclusi dal bando regionale e che rischiano di essere
definitivamente abbandonati a partire dal 31 di questo mese, salvo ulteriori proroghe da parte
della Regione. Più in generale però, il nostro obiettivo vuole essere quello di ascoltare e confrontarci con i
ragazzi e le ragazze del Sulcis-Iglesiente per raccoglierne le problematiche ma anche le
proposte, dando loro sia la possibilità di interagire con un gruppo di coetanei che si vogliono
impegnare per loro e per il territorio, rappresentandoli e facendo da intermediari presso le
istituzioni e gli organi competenti, sia risposte e soluzioni concrete.
Da oggi, dunque, parte un nuovo periodo di vita di quella che è un’organizzazione storica del
nostro territorio e che tanto ha fatto in passato ma che ancora di più vuole fare nel presente e
nel futuro".

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna