NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
18
Tue, Jun
33 Nuovi articoli

Iglesias. Servizio di contrasto alla pesca e vendita illegale dei ricci di mare

Cronaca Locale
Aspetto
Condividi

Il Servizio Ispettorato del Corpo forestale di Iglesias ha intensificato i controlli sulle attività di pesca dei ricci di mare che nel periodo natalizio sono particolarmente esposti a prelievi abusivi a causa dell’accresciuta richiesta sul mercato del consumo alimentare.

Nella mattinata del 18 dicembre scorso l’equipaggio della Blon di Sant'Antioco è stato impegnato nella località Is Pruinis, in una fascia di mare, entro gli 800 metri dalla costa, interdetta alla pesca per motivi d’igiene e sanità. Il sopraggiungere dei Forestali ha fatto allontanare i pescatori dalla zona interdetta. L’attività di perlustrazione dell’area è proseguita alla ricerca di coppi (reti da raccolta) che, con il loro prezioso carico di ricci, vengono abbandonati nel fondale dai pescatori abusivi per essere recuperati successivamente alla pesca, nel tentativo di eludere i controlli. Durante la navigazione è stata rimossa una rete vietata, la cosiddetta sfogliara utilizzata per la pesca a strascico sotto costa.

Il servizio è proseguito nella serata e nelle ore notturne congiuntamente al personale delle Stazioni forestali di Iglesias e Sant'Antioco, impegnando nel complesso tredici unità nelle diverse pattuglie.
La vigilanza ha interessato anche un tratto di costa compreso tra le località Is Solinas (Masainas) e Su Portixeddu (Sant'Antioco) in cui, nella notte del 19 dicembre, i Forestali hanno individuato un’imbarcazione sospetta che si dirigeva verso il porto commerciale. Ma una volta raggiunto il molo, alla vista della polizia forestale che sopraggiungeva, l’equipaggio è riuscito a fuggire favorito dal buio.
Quando gli agenti sono saliti a bordo per ispezionare l’imbarcazione hanno scoperto un carico di circa 3000 ricci, perlopiù sotto misura che sono stati sottoposti a sequestro e, poiché ancora vitali, sono stati immediatamente reimessi in mare.

Le attività rientrano in un quadro più ampio di programmazione dei servizi di prevenzione e repressione degli illeciti che la Direzione del Corpo forestale e di vigilanza ambientale dispone ogni anno per il territorio costiero della Sardegna.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna