NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
20
Fri, Sep
38 Nuovi articoli

Sant'Antioco. Si chiude oggi con la solenne processione la festa più antica della Sardegna

Attualità Regionale
Aspetto
Condividi

La solenne procesione in onore a Sant'Antioco Martire  segnerà questa sera il momento più intenso della festa in  onore di Sant'Antioco Martire patrono della Sardegna, giunta quest'anno alla 660/ma edizione. Il corteo Partirà dalla Basilica di Piazza De Gasperi alle 18.30 dopo la olsenne celebrazione della Santa Messa presieduta dal vescovo di Iglesias Monsignor Giovanni Paolo Zedda.05 05 19 sagra patrono L'imponente statua del patrono e le sue reliquie  percorreranno le principali vie della città addobbate a festa, accompagnate da cavalieri e amazzoni, suonatori di launeddas, bande musicali, traccas, numerosissimi gruppi folk e tanti pellegrini. Come sempre sarà un grande momento di devozione e di fede prima che i fuochi artificali segnino la fine della festa per l’arrivederci alla prossima edizione. Una festa quest'anno segnata dal maltempo che però non ha frenato lo svolgersi del ricco programma religioso e civile. Come sempre la festa ha incultato tra abitanti e chi giunto per onorare il Santo momenti di gioia e devozione annunciati sabato dal corteo di Is Coccois che ha portato in basilica su “pani pintau” da affrire al patrono. Da segnalare il rinnovato successo di “Sulkinfiera”, l'esposizione di prodotti tipici della Sardegna, a cui hanno fatto compagnia vari riti religiosi in Basilica, mostre fotografiche, pariglie con i cavalli, balli sardi e concerti. Di particolare rilievo domenica mattina preceduta da tre 3 organettisti è stata la prima edizione della sfilata di “Is Traccas” (foto Marco Matta) provenienti quest'anno da 12 comuni isolani che dopo la sfilata hanno sostato in Piazza Umberto sino al pomeriggio.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna