NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
25
Mon, Jun
40 Nuovi articoli

Sant’Antioco. Nasce la prima Carta dei Pani in Sardegna. I Panifici Calabrò abbinano un pane ad ogni sapore del territorio

Attualità Regionale
Aspetto
Condividi

Una veste nuova per una tradizione antica. Domani Venerdì 1 giugno 2018 si inaugura a Sant’Antioco, nel Sud-Ovest della Sardegna, il rinnovato locale dei Panifici Calabrò, situato nel centro della città.  Nato come Panificio Meccanico nei primi anni del ‘900 e oggi gestito dalla quarta generazione della famiglia fondatrice, rivolge da sempre particolare attenzione al legame fra tradizione sarda e innovazione.
 paneCon la prima carta dei pani in Sardegna, ogni cliente potrà scegliere tra una lista di pani abbinati a prodotti del territorio, di alta qualità e secondo la stagionalità. Il pane diventa quindi il vero protagonista del menù in ogni momento della giornata: dalla colazione al pranzo e alla cena, dall’aperitivo al dopo cena.
“Il pane è l’elemento che da sempre ci identifica - racconta Marina Calabrò, amministratrice dell’azienda - per questo abbiamo deciso di valorizzarlo creando la Carta dei Pani. Un documento in cui ogni pane che produciamo è abbinato a prodotti del territorio, creando un vero e proprio viaggio attraverso i sapori dell’Isola”.
Il progetto è frutto della collaborazione con personalità di spicco del settore food sardo: l’antropologa Alessandra Guigoni, con cui l’azienda ha redatto la carta dei pani; il bartender Antonio Varotto che per l’occasione ha creato il cocktail esclusivo “Sulky Tonic”; l’esperto di pizza in teglia Gabriele Valdes e la cuoca volante Chiara Cogotti che firma il menù.
 Arazzo part“Il nostro locale principale è stato quindi trasformato per diventare la cornice in cui vivere una serie di esperienze alla scoperta del territorio. – aggiunge Dolores Calabrò, socia dell’azienda - L’identità della nostra Isola si rispecchia nel design degli spazi”.
La ristrutturazione degli spazi è stata affidata all’Architetto Antioco Angelo Marongiu, mentre il progetto è stato curato dall’architetto Stefania Beltrame dello Studio Associato Beltrame Gelmetti di Milano, in collaborazione con l’azienda Spazio Genio. Le tessitrici Assuntina e Giuseppina Pes hanno invece realizzato un arazzo con disegni tipici dell’Isola di Sant’Antioco, impreziosito dal bisso marino del 1920.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna