NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
11
Mon, Dec
44 Nuovi articoli

Villamassargia. Operazione "Liberazione rapaci" nel Sulcis Iglesiente

Attualità Regionale
Aspetto
Condividi

Si sono appena concluse le operazioni di rimessa in libertà di cinque rapaci curati dall’equipe dei veterinari della Provincia Sud Sardegna in collaborazione con lo staff del Centro Fauna dell’Agenzia Forestas di Monastir.

FALCO PALUDE Le operazione di messa in libertà dei volatili è iniziato venerdi 29 Settembre in località Colostrai nel comune di Muravera dove è stato liberato un Falco di palude (Circus aeruginosus) che era stato ritrovato in difficoltà ai primi di settembre dai dei cittadini che lo hanno segnalato al centro. Dopo le cure del dottor Gabriele Porcu per una disidratazione dovuta ad una grave parassitosi intestinale il volatile è stato trasferito nelle voliere del CARFS di Monastir dove ha seguito una riabilitazione di venti giorni per poi poter ritornare in libertà. Domenica primo Ottobre è stata la volta di altri due rapaci liberati nell’isola di Sant'Antioco.

 

 

In particolare un Falco della regina (Falco eleonorae) e una Poiana (Buteo buteo). falco della regina webIl Falco della regina dopo la segnazione da psrte di un cittadino è stato recuperato e curato dal Dottor Alessandro Serra. Alla visita clinica gli è stato riscontrato un ematoma all’ala sinistra che non gli permetteva di volare. Dopo 50 giorni di cure e riabilitazione al volo al centro recupero fauna di Monastir sotto il controllo clinico del Dottor Luciano Mandas, il falco ha ripreso il volo nei cieli di Sant'Antioco, giusto in tempo per lo svernamento verso il Madagascar.

 

poiana web

La Poiana era stata invece recuperata dagli agenti del corpo forestale e consegnata al CARFS nel mese di maggio dove è stata curata per un trauma toragico dovuto ad una collisione con un'autovettura.

 

 

 

FALCO PELLEGRINOLunedi due ottobre è toccato ad un Falco pellegrino (Falco peregrinus) che è stato liberato nei cieli dell’Iglesiente dagli agenti del corpo forestale della stazione di Iglesias e dal Dottor Fabio Secci del Centro Veterinario San Ranieri di Villamassargia. L’animale era stato recuperato in una calda giornata di Luglio in grave stato di disidratazione e denutrito da parte di un cittadino che lo aveva personalmente consegnato al CARFS di Monastir dell’agenzia Forestas. In settimana ci sarà un'ulteriore operazioen. Verrà liberato uno Sparviero sardo (Accipiter nisus) ritrovato in difficoltà in agro del comune di Guspini al quale il dottor Roberto Scanu ha diagnosticato una frattura consolidata di radio che è in via di completa guarigione.

 

 

Le operazioni di soccorso, cura e riabilitazione sono coordinate dall’Assessorato alla difesa dell’ambiente della Regione Sardegna che gestisce i flussi informativi relativi alle specie e alle lesioni riscontrate, i dati sanitari rilevati dagli esami eseguiti in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna e assicura il corretto svolgimento di tutte le operazioni.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna