NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
28
Wed, Jun
52 Nuovi articoli

Cagliari. Il turismo nel sud Sardegna: i tedeschi sono i più presenti. Boom di polacchi, calano gli spagnoli. La località preferita è Muravera

Attualità Regionale
Aspetto
Condividi

I dati sono stati elaborati dal Consorzio Sardegna Costa Sud che chiede alla Regione un maggiore coinvolgimento nell’elaborazione delle politiche di marketing e di accoglienza. Il Consorzio lancia anche la piattaforma InfoPoint WiFi per l’informazione turistica e la promozione territoriale. Come certificato dai dati recentemente diffusi dall’assessorato regionale del Turismo, in Sardegna nel 2016 gli arrivi e le presenze rispetto all’anno precedente sono aumentati rispettivamente del 10,4 e dell’8,9 per cento. Tuttavia, questi dati assumono valenze diverse se riferite alle singole province e ai maggiori centri turistici sardi.
Per avere un quadro maggiormente chiaro, con l‘obiettivo di affinare i propri strumenti di marketing, con la collaborazione di Sintur Sinergie Turistiche il Consorzio Turistico Sardegna Costa Sud ha elaborato i dati ufficiali rilasciati dalla Regione e dalla Provincia di Cagliari per capire quale sia stato nel 2016 l’andamento turistico nei maggiori centri del Sud Sardegna, ovvero Cagliari, Villasimius, Pula, Muravera, Domus de Maria e Castiadas.
“I consorzi sotto questo aspetto possono aiutare la Regione, i comuni e tutti gli enti prreposti a sostenere azioni di promozione maggiormente mirate”, afferma il presidente del Consorzio Turistico Sud Sardegna Martino Di Martino. “Con questa nostra iniziativa vogliamo quindi candidarci ad un ruolo attivo nell’elaborazione delle politiche di marketing e di accoglienza, perché siamo consapevoli che soltanto l’analisi corretta e mirata dei dati può aiutare gli operatori a fare i giusti investimenti. Oggi invece ci sentiamo esclusi dalle scelte regionali che non valorizzano chi opera nel territorio e che conosce meglio degli altri i punti di forza e le criticità del nostro sistema turistico”. Il Consorzio inoltre intende puntare sulla promozione e l’informazione: ogni associato potrà infatti accedere alla piattaforma InfoPoint WiFi (www.infopointwifi.com) per diffondere gratuitamente informazioni sulle strutture turistiche e sul territorio.
Quanto pesa il Sud Sardegna Nel 2016 il Sud Sardegna ha catalizzato il 19 per cento dei flussi turistici dell’intera Sardegna, con Pula e Villasimius che hanno raggiunto entrambi una quota del 4 per cento. A loro volta, i sei comuni turistici di Cagliari, Villasimius, Pula, Muravera, Domus de Maria e Castiadas (che fanno parte di Visit South Sardinia) assommano l’84 per cento del flusso turistico della provincia di Cagliari.
Le presenze Nel 2016 le presenze turistiche complessive nel territorio della provincia di Cagliari sono state pari a 2 milioni 766 mila 007, di cui il 63,3 per cento costituite da turisti italiani (un milione 752 mila) e per il 36,7 per cento da turisti stranieri (un milione 13 mila). Il 13,6 per cento dei turisti italiani è in realtà composto da sardi, ed è costituito dunque da isolani (in tutto 209 mila) che scelgono il sud della loro regione quale località di vacanza.
Sud Sardegna sotto la media Dai dati emerge innanzitutto che rispetto alla media regionale (che ha fatto registrare una crescita degli arrivi dell’8,9 per cento e delle presenze del 10,4), il turismo nella provincia di Cagliari è cresciuto meno che gli altri territori, con un più 7,43 per cento negli arrivi e un più 5,75 nelle presenze. Si tratta della terza peggior performance, preceduta solo dal dato negativo (meno 0,83 per cento nelle presenze e appena un più 0,24 negli arrivi della provincia di Sassari, segno evidente del disimpegno di Rynair dallo scalo di Alghero), e da quello dell’Ogliastra (più 3,73 per cento nelle presenze e più 4,34 negli arrivi). I territori che sono invece cresciuti di più in termini percentuali sono il Medio Campidano (più 16,31 di arrivi e più 27,68 per cento di presenze), Nuoro (15,21 e 19,53 per cento), Carbonia-Iglesias (14,29 e 16,05), Olbia-Tempio (14,01 e 16,10), Oristano (più 9,86 negli arrivi e più 11,10 nelle presenze).
Muravera regina Come già sottolineato, i sei comuni turistici di Cagliari, Villasimius, Pula, Muravera, Domus de Maria e Castiadas assommano l’84 per cento del flusso turistico della provincia di Cagliari, per un totale di due milioni 556 mila presenze. Muravera è stata la località maggiormente frequentata, con il 28 per cento delle presenze, seguita da Villasimius con il 21 per cento, Cagliari con il 20, Pula con 13 per cento, Castiadas con l’11 e Domus de Maria con il 7 per cento.
Il picco ad agosto La serie mensile dei dati evidenzia come tutte le località conoscano il loro picco ad agosto, in particolar modo Muravera che supera le 200 mila presenze, mentre è Cagliari ad avere un andamento più costante nel corso dei dodici mesi. Se si scorporano i dati tra presenze di turisti stranieri e turisti italiani, emerge invece come Cagliari sia l’unica località dove ad agosto gli stranieri conoscono un picco mentre in quel mese in tutte le altre località la loro presenza cala sensibilmente.
Stranieri costanti tra giugno e agosto Il flusso turistico degli stranieri è comunque più costante: le presenze crescono nei mesi di maggio e di giugno, per poi salire ulteriormente e stabilizzarsi nei mesi di luglio agosto e settembre. Per quanto riguarda invece gli italiani, il flusso cresce vertiginosamente da maggio ad agosto (dove tocca il picco con quasi mezzo milione di presenze), per poi precipitare a settembre e a ottobre.
I tedeschi i più presenti Interessante anche l’analisi delle provenienze. In termini assoluti, i turisti più presenti nei centri turistici del Sud Sardegna nel 2016 sono stati i tedeschi (oltre 276 mila presenze), seguiti dagli svizzeri (181 mila) e dai francesi (101 mila). A seguire, i turisti del Regno Unito (100 mila), della Russia (57 mila), dell’Austria (43 mila), della Polonia (31 mila), dei Paesi Bassi (29 mila), della Spagna (20 mila) e del Belgio (19 mila).
Crescono i polacchi, calano gli spagnoli In termini percentuali, sono cinque le provenienze che hanno visto crescere i visitatori mentre altrettante hanno fatto registrare un segno negativo. Ad aumentare in maniera imponente sono stati i turisti provenienti dalla Polonia, che sono cresciuti del 141 per cento. I visitatori provenienti dal Regno Unito sono cresciuti del 12 per cento, seguiti dagli svizzeri (7 per cento), dai russi (4,5) e dai tedeschi (poco meno del due). A perdere quota sono stati invece soprattutto gli spagnoli (le loro presenze sono calate del 18,6 per cento), seguiti dagli olandesi (meno 7 per cento), dagli austriaci (meno 4,8), dai belgi (meno 5,3) e dai francesi (meno 0,45).
Le località preferite per nazionalità È interessante anche analizzare i flussi distinti per nazionalità. Dai dati si scopre infatti che i tedeschi prediligono Muravera (il 36 per cento sceglie infatti quella località per le proprie vacanze nel sud Sardegna), gli svizzeri Villasimius (32 per cento), i francesi Cagliari (34 per cento), gli inglesi Pula (33 per cento), i russi e gli austriaci Villasimius (rispettivamente con il 43 e il 30 per cento). Domus de Maria invece è la destinazione preferita dai polacchi (scelta dal 35 per cento dei loro turisti), mentre Muravera è la destinazione prioritaria degli olandesi (42 per cento). Schiacciante il dato relativo degli spagnoli: il 71 per cento dei turisti sceglie infatti Cagliari per le proprie vacanze. Il capoluogo è la località preferita anche dai belgi (34 per cento). Il mercato interno: vince Cagliari Un altro capitolo importante riguarda i sardi che scelgono la Sardegna. A visitare il sud dell’isola lo scorso anno sono stati quasi 210 mila, con una crescita del 32 per cento rispetto al 2015. In termini assoluti, si tratta di una quota inferiore solo a quella dei turisti tedeschi. Il 53 per cento dei turisti sardi sceglie Cagliari, mentre il 18 per cento predilige Muravera, il 13 Pula e il 12 Villasimius. Chiudono la graduatoria Domus de Maria e Castiadas, entrambe con una quota del 2 per cento.
Più promozione con il sistema InfoPoint WiFi Per promuovere meglio le strutture e le località, il Consorzio Turistico Sardegna Costa Sud mette a disposizione dei suoi aderenti il sistema InfoPoint WiFi (www.infopointwifi.com). Elaborato dalla società Abativ, il sistema è una tecnologia che permette, attraverso dispositivi senza fili, di diffondere gratuitamente informazioni riguardanti strutture turistiche o territori verso smartphone, tablet e pc dotati di collegamento Wi-Fi. l sistema è composto da un software di gestione che comunica con i dispositivi via rete mobile. I dispositivi InfoPoint WiFi immagazzinano i dati in memoria e li rendono disponibili via Wi-Fi. Grazie al sistema di redazione, i contenuti possono essere aggiornati e resi disponibili in tempo reale in tutta la rete InfoPoint WiFi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna